Home Dietologia

 

Dietologia

 

 

 

 

La dietologia è la scienza che si occupa della cura delle malattie (Disturbi alimentari e della nutrizione, obesità e sovrappeso, sovrappeso e obese pre-teen, adiposità e obesità nelle donne con menopausa, magrezza, disturbi del metabolismo, alimentazione durante la gravidanza e l’allattamento, alimentazione in esercizio e sport, alimentazione geriatrici, alimentazione incontrollata Disorder, alimentazione nella malattia celiaca, ecc...), tramite un regime alimentare controllato ed appropriato.

Bisogna quindi ricorrere ad un dietologo o ad un nutrizionista solo quando ce ne sia una effettiva necessità, non solo per sfoggiare un fisico da spiaggia.

Se vogliamo semplicemente andare in vacanza con un bell'aspetto fisico, basta porre un po di attenzione alle quantità di cibo ingerite e praticare dell' attività fisica in modo regolare.

 


 

La dieta quindi, non è semplicemente "mangiare un po' meno per perdere qualche chilo", ma  è un atto medico terapeutico, e come tale deve essere rigorosamente controllato e strettamente personalizzato.

Nelle malattie renali, ad esempio, a seconda della funzionalità renale residua, è indica una dieta ricca in Calorie, ma a diversi livelli di restrizione proteica: mentre per un Filtrato Glomerulare residuo di 15-20 ml/min è indicata una quantità di proteine fra i 30 e i 40 g al giorno, per un Filtrato Glomerulare inferiore a 5 ml/min è imperativa una dieta a contenuto proteico non superiore a 20 g. al dì; nel diabete è indicata una dieta a circa 150 g. di carboidrati al giorno, nell'ipertensione arteriosa il contenuto in sodio della dieta non deve superare gli 800 mg/die (equivalenti a 2 g. di cloruro di sodio, cioè sale da cucina), e così via.

Nella prescrizione di una dieta appropriata, quindi, il medico dovrà tenere conto della patologia del paziente, dell'età, del sesso, dei fabbisogni nutrizionali minimi, della composizione corporea e dovrà considerare i numerosi nutrienti che fornisce con la dieta al paziente.

Le sostanze contenute negli alimenti sono infatti numerose, ricordiamo solo le principali:

   
      glicidi    

      protidi

      lipidi (colesterolo, trigliceridi)

      aminoacidi a catena ramificata

      basi puriniche

      acidi grassi poliinsaturi

      acidi grassi saturi

      sali minerali (sodio, potassio, calcio, ferro, magnesio, zinco ecc. .)

      oligoelementi  

      vitamine (A, B1, B2, B6, B12, PP, C, D, ecc.)  

      fibre

Conoscere il contenuto di tali sostanze per ogni alimento, e calcolare la quantità di tali sostanze che vengono fornite al paziente con la dieta di un giorno, è quindi imperativo.

 

 

Il primo approccio al paziente consiste in una visita medica completa, durante la quale viene effettuato anche l'esame impedenziometrico per la determinazione della composizione corporea, vengono raccolti i dati delle abitudini alimentari, e vengono prescritte le analisi cliniche e gli altri eventuali accertamenti necessari per la definizione dello stato patologico del paziente.

Sulla base dei dati raccolti, viene elaborata una dieta personalizzata. Per ogni giorno viene indicata la suddivisione in pasti, il tipo e la quantità degli alimenti da consumare nella giornata e le sostanze con le rispettive quantità, introdotte con gli alimenti indicati.

Il paziente viene in seguito controllato periodicamente, (peso, composizione corporea, analisi del sangue) fino al raggiungimento degli obbiettivi desiderati, quando verrà assegnata una dieta di mantenimento, più elastica di quella terapeutica, ma in grado di educare il paziente alla alimentazione più indicata per la sua patologia, e consentirgli quindi di "autogestirsi" nel futuro.

 
Valid XHTML and CSS.