Home I Livelli del Benessere

Una vita in movimento... i livelli del benessere

 

 

 

 

PRIMO LIVELLO

 

 

 

 

Il primo livello, molto importante, è rappresentato dalla ricerca di tutte le opportunità di movimento che vengono offerte dalla vita quotidiana:

  • camminare per almeno 30 - 60' al giorno
  • andare a scuola o al lavoro senza utilizzare l'auto o i mezzi pubblici
  • utilizzare le scale invece che l'ascensore
  • collaborare nei lavori di casa e nelle faccende domestiche
  • andare a fare la spesa

 

SECONDO LIVELLO

Un secondo livello può essere rappresentato da un programma di esercizi ed attività a corpo libero, realizzabili anche individualmente e in ambienti non specifici (a casa, a scuola, sulla sedia o davanti al banco, durante l'intervallo in classe o in cortile, in palestra), tre o quattro volte alla settimana, anche solo per pochi minuti.Ottimi sono gli esercizi di stretching, con i quali si possono mobilizzare le varie parti del corpo e mantenere una buona elasticità muscolare e flessibilità articolare.

 

TERZO LIVELLO

Un terzo livello (da ripetere almeno due - quattro volte alla settimana) può essere rappresentato dal gioco di movimento:

i giochi

  • possono sempre essere adattati all'ambiente in ci si trova (meglio se all'aperto, in un cortile o nel parco, o dove possibile)
  • possono essere organizzati a seconda del numero di giocatori, si possono realizzare anche senza nessun attrezzo particolare

 

QUARTO LIVELLO

 

 

 

Un quarto livello è quello dell'attività fisica vera e propria, motoria e sportiva, organizzata in palestra o negli ambienti appositamente dedicati (di solito almeno due volte alla settimana). A questo livello possono essere collocate sia le attività organizzate all'interno della scuola, nelle ore di educazione motoria, sia le attività sportive praticate dagli alunni fuori dagli orari scolastici.

 

QUINTO LIVELLO

Il quinto livello può essere rappresentato dalle opportunità di effettuare uscite negli ambienti naturali, per fare qualsiasi cosa consenta l'ambiente stesso.La scuola non dovrebbe trascurare le occasioni offerte dal territorio per svolgere attività che all'apprendimento di conoscenze uniscano la pratica motoria: una visita al parco naturale per l'individuazione delle specie vegetali, al porto per saperne di più sulle attività marinare, oppure lungo la costa per studiare l'erosione marina o la formazione delle dune, una gita in montagna alla ricerca di antichi tratturi, in campagna per conoscere le colture della zona ed i prodotti legati alla terra, un percorso urbano finalizzato alla lettura dello spazio cittadino.


I benefici dell'attività fisica

 

 

Sedentari

Fisicamente attivi

Apparato muscolare e articolare

- Riduzione della capacità muscolare
- Maggior incidenza di infortuni articolari
- Ossa più fragili
- Rischio di insorgenza di paramorfismi e dolori vertebrali.

- Miglior tono muscolare, articolazioni più salde
- Migliore sintesi dei sali di calcio nelle ossa lunghe, ossa più forti
- Insorgenza ridotta di paramorfismi giovanili e del mal di schiena in età adulta

Apparato cardio-circolatorio

- Pressione arteriosa più alta, maggior incidenza di infarto del miocardio

- Brachicardia, cioè ridotto numero di battiti al minuto, e pressione arteriosa più bassa

Apparato respiratorio

- Respiro più corto e frequente, affanno anche a sollecitazioni molto basse

- Bradipnea, cioè ridotto numero degli atti respiratori a riposo, per via di un miglior utilizzo dei volumi polmonari
- Recupero più rapido dopo uno sforzo

Apparato digestivo

- Ridotta motilità intestinale, stitichezza
- Rischio specifico di soprappeso per aumento della massa grassa

- Corretta funzionalità intestinale
- Rapporto peso-statura nella norma
- Corretto metabolismo dei grassi

 


 
Valid XHTML and CSS.